Paolo Polvani, Inediti

Buongiorno sorelline

Buongiorno sorelline, vi soffio aprile sulla faccia,

perpetuo il mio scodinzolare, spalanco le finestre.

Ci siamo rivelati le paure, i desideri, abbiamo abolito

ogni segreto, inventato codici, escogitato

segni, inventariato sogni, spalancato i cancelli

delle quattro esse: salute soldi sentimenti sesso.

Concimato il terreno di parole.

Adesso ci abitiamo, abitiamo dentro la poesia.

Siamo liberi di andare e tuttavia ancora ci teniamo

per mano, ci sfioriamo di carezze, di appigli.

Vi porto con me, tra il circolo polare e l’equatore,

in veglia e sonno, in felicità e dolore, vi accompagno

dalla periferia fino al più fondo, profondo centro del cuore.

Ciao Narda!

Che direzione ha preso quella tua risata ? dov'è diretta adesso quella tua guida spericolata che spettinava le strade da Sogliano, sulla utilitaria che aveva il colore e il calore e l'accento della simpatia di cui già ora avverto infinita nostalgia. Ti salutano i gatti di Gatteo, e i tuoi bambini che ora sono cresciuti, ti salutano i poeti che anche se cresciuti non la smettono mai di restare bambini, e ancora tremano al ricordo della tua risata, di quella guida tua spericolata.

Condottieri dell’amore

Vedi ? decisamente non sono un condottiero dell'amore, mi scoraggio,

ai primi ostacoli m'inceppo, incespico, barcollo,

sgominato dall'orgoglio chino la testa e scappo, incatenato

alla chimera del possesso, all'idea che sia il sesso che ci salva

e ci riscatta. Tu strappami tutte le medaglie, non le merito, vedi ?

però tramite te io imparo, cerco un altro me, tento il salto con l'asta

oltre i miei limiti, provo a liberare, a librare l'amore oltre le nubi, oltre

un ristretto orizzonte. Chiederò ai tuoi santi un consulto, una dritta

per amarti davvero, per amarti di più, amarti oltre ogni sconfitta.

Dove abita la gioia

Sai dove abita la gioia ? dove

trova riparo ? dove fa la sua cuccia ?

a chiunque tremerebbero le gambe

quando accende la luce

il tuo sorriso. Ci sono le voci

e il passo lieve dei gatti, ci sono

le antiche strade, le passate lacrime.

E’ un abbraccio nel quale riposare.

Una bella fetta di futuro

T’incarto qui una bella fetta

di futuro, guarda, dentro ci metto

un libro aperto a pagina trentotto,

un telefono che squilla, un lento,

un triste miagolio, uno spiraglio

d’alba, un quanto basta

d’incertezza. Il futuro

è un affacciarsi alla finestra,

è masticare il cielo, è decollare

dentro una tempesta di parole.

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

© 2023 by The Book Lover. Proudly created with Wix.com

  • Facebook B&W