Maurizio Casagrande, Inediti

Dalla raccolta inedita Belès (Fichidindia) di Maurizio Casagrande, frutto di un soggiorno biennale in Eritrea per lavoro.

Lì a Segheneyti1

l’arbore ca xe gusto incrosare

nte ’a caliera tigrìna

l’arbore fursi

pì popoeare piturà

fin so ’e foje da sincoe

de nafkaina

par segùro

xe el figomoraro

scoasi on capusso ma grando

fato de ’egno e de foje

a far onbrìa ogni dì

de laoro dai raji incandìi

del soe pì feràe

e ’a rasòn cal xe ’argo de ae

racoanti ca ’o stima fà on pare

ghe ponta ’e so voie

ghi nè tuta ’na vae

ogniogo ghi nè

de sto ’egno gaiardo pa’ gnente peoso

da coaranta par diese

e parsoto se cucia

l’intiera contrà

fèmane òmeni veci

pulièri e putèi

tuti in sentòn

muciando ’l so pugneto de sae

co on aio a cantaghe el massé2

sigandoghe Aulò!

Aulò!

Aulò!3

soto el volto de gropi di ’i sècui

Ficus sycomorus L’albero più nobile da incrociare / nella caldera eritrea / l’albero forse / più rappresentativo effigiato / persino sulle banconote da cinque / nafka / di certo / è il sicomoro // simile ad un cavolfiore ma enorme / frondoso e dalle ampie volute / a garantire riparo ogni giorno / lavorativo dalle stilettate feroci / del sole dei tropici / e qualcuno giudicandolo benigno quanto un padre / gli formula i propri desideri // ce n’è un’intera vallata / le trovi ovunque / queste piante imponenti e generose / da 40 metri per dieci / e lì si raccoglie / l’intero villaggio / donne uomini vecchi / perfino cuccioli di animali e di uomini / tutti seduti / al fonte della saggezza / del canto dei poeti / quasi un Filò! / Filò! / Filò! / sotto la volta nodosa dei secoli

*

Aleichi salam i costuma de dite

co jen ora saeudate vense

co i se cata fra eori in liogo

de strensase ’a man i se bate

incoste de spaea uno co nantro

stando on toco pontài

gnanca i pressi no ’i xe miga segnài

cogne senpre de batare

e oncora tirare ca comanda

chea regoea ca s’inpara al marcà

co s-ciapi ’e siusià

in carega e bruschìn a fate

beo ’ustro el scarpìn

Alaikum salam usano dirti / all’atto del saluto mentre / se si incrociano tra loro al posto / della stretta di mano cozzano / l’un l’altro di spalla / mantenendo per un po’ la posizione // nemmeno i prezzi sono indicati / ma occorre sempre tirare / e contrattare perché impera / la vecchia legge di mercato / con nugoli di ragazzi / muniti di spazzola e sedia a lucidarti / per bene le scarpe


Serenada

On seégato me ’ese

e ’opo el me dise

ca somejo al Vitorio

delDiario arxarìn

e mi me dimando

sa l’omo pì nero

faga ciaro daèro

fà chel gran prisioniero

Stornello Un uccellino mi legge / e subito propone / un paragone al Sereni / del Diario dAlgeria // io invece mi domando / se l’individuo più controverso / possa risplendere davvero / quanto quell’illustre prigioniero

*


Ti porcona e biastema ca tanto

’a Smara te tien curta ’a caena

te bate so ’e coste te strucona

el pantasso pa’ inparate ’a creansa

te destira parsora de ’a toea cofà

de ’na sfoja ca xe oncora mòea

te fa suto e po’ drito conpagno

a ’na pee de eucaìto ca ’l taca

partuto anca co ’l seco

coà me toca de tuto anca

el toso ca tira on gran ruto

nantro el sta senpre magnare

on terso se pissa nte ’e braghe

parfin intiera ’na classe ’a jen

butà fora ca aea fine

de l’ora i ghea taconà

on banco de merda

e mi gavarìa da tignerla

sei anche padrone di inveire ma comunque / Asmara ti tiene alla catena / ti percuote la schiena agguantandoti / allo stomaco per insegnarti le buone maniere / ti stende sulla tavola come / una sfoglia ancora molle / ti assottiglia e poi strizza quanto / la corteccia di un eucalipto / che rigoglia ovunque nonostante la siccità // qui ormai sono abituato a tutto / al ragazzo che se ne esce in un rutto / quell’altro che si rimpinza di cibo / un terzo che si piscia nei calzoni / addirittura un’intera classe / sospesa perché finita / l’ora avevano spalmato / un banco di merda / ed io la dovrei gestire

Adulis4

’Na gran bea sità ghe jera de coà

co gnancora ghe stava ’e coatro

tribù ca garìa tirà su aracoanti

tucù so ’a jara de’a Smara

’a gheva trosi e curiòi co ’i so muri

de piera e tuto coeo ca cogneva

esso ca xe nà mucià sù

sabiòn so sabiòn cavando tuta

’a sorgagna anca i ’ritrèi

ghe ciama Ponpei

nissuni però ca ghe ruma

ruinassi cognosse ’e rasòn

de ’a so fine al pì

i te caga du stime

no ’a jera de paja ma istesso

a xe nà in catinòra cofà ’e sento

xa fate dai Maya e on dì

sipiarà a ruinare chealtre

ca se stima pì mejo de ’a tera

e anca coesto cogneva

Adulis Esisteva anche qui una fiorente città / quando nemmeno c’erano le quattro / tribù che avrebbero eretto / i primi tucul ad Asmara // era attrezzata di strade di scoli con case in muratura / e tutto ciò che è utile alla vita associata / adesso che è stata liberata / interamente dalla sabbia sradicando / le erbacce anche gli eritrei / la chiamano Pompei // tuttavia nessuno degli archeologi impegnati / negli scavi saprebbe dirvi le ragioni / della sua fine al massimo / si spingono a formulare delle ipotesi // non era fatta di paglia ma egualmente / ha conosciuto l’abbandono come le cento / città dei Maya e un giorno / sarà il turno delle maggiori civiltà / che si pretendono più solide / quando il loro destino è già scritto


Dì e note

Ea Smara de dì

xe ’na copa de biavo

dolse da beare cu ’i oci

fa ’na feta de mango e papayo

ca mai te te stufi sajare

ca oncora t’in vurissi magnare

de note

el so biavo

’al te somena

nantra somensa

a ga ’na sensa picante

e ’na coerta parsora

oni ora se roessa

’na buora de ciaro

da inove ca ’e stee

ga fato el so gnaro


Notte e giorno Asmara di giorno / è un calice d’azzurro / dolce da bere con gli occhi / quanto uno spicchio di mango e papaya / di cui non saresti mai sazio / che ancora vorresti assaggiare // di notte / il suo cielo / diffonde / altre essenze // ha un profumo pungente / e un lenzuolo di perle / in ogni istante / ad avvolgerla integralmente / in un profluvio di luce / dai più profondi abissi siderali

Paròea del prìnsipe

Sa ti vol ca i te caga

dàssai sensa disnare

xoveni e veci fèmane

e boce sa gnancora

no basta

scòndighe l’acoa

fin ca no i crepa

po’ sèraghe in xonta tuti i ospeài

ca sipia mai verla on peo

’e carità pa’ sta sorta coà

de jentaia

ca lu stima sta naja

manco ca mussi da batare

sinsa gnanca ca i raja


Machiavellica (parola di dittatore) Se vuoi essere obbedito / fa’ stringere a tutti la cinghia / giovani o vecchi donne / e bambini se ancora / non fosse abbastanza / taglia anche l’acqua / e che schiattino / poi chiudi anche tutti gli ospedali / che mai sia concessa / pietà a simili / canaglie // dato che lui considera questi infelici / meno che animali da soma da battere / senza che ardiscano lamentarsi

1 All’altezza di Segheneyti, piccola città del sud dell’Eritrea situata lungo la strada che congiunge Asmara a Senafè, si apre la valle dei sicomori. Qui rigogliano centinaia, se non migliaia di queste piante, alcune pluricentenarie. Alla pari dell’acero per il Canada, del cedro per il Libano o del pesco giapponese, il sicomoro si può considerare un vero e proprio emblema nazionale dell’Eritrea.

2 Il «Massé», in parallelo al suo complemento funebre «Melqes», canto/pianto, costituisce uno fra i generi tradizionali della poesia orale tigrina. Presentano entrambi la medesima struttura e di solito vengono recitati dalle stesse persone: il primo è associato alle feste, il secondo ai funerali. Questo tuttavia non esaurisce le modalità di condivisione pubblica del lutto nelle forme della tradizione orale: i funerali, infatti, prevedono la conclusione dei riti attraverso la commemorazione pubblica del defunto e delle sue azioni (Teskàr), mentre ad un anno di distanza dal decesso ha luogo in ambito religioso la celebrazione dell’anniversario (Mezegherta).

3«Canto», in tigrino: in Eritrea gridando tre volte “Aulò” si chiede attenzione e il permesso di parlare per confutare o ribattere un argomento, lodare o accusare, il tutto in rima, prima pensata, poi recitata o cantata in occasione di avvenimenti pubblici quali matrimoni, funerali o commemorazioni. Si tratta di una forma poetica di chiara matrice popolare e orale che in epoca coloniale assolveva a una implicita ma trasparente vocazione politica e civile nella resistenza opposta all’invasore. Sarà appena il caso di ricordare che presso gli antichi greci l’aulòs era lo strumento a fiato che accompagnava tragedie, simposi e funerali, ovvero il flauto con cui il satiro Marsia si era misurato, e mal gliene incolse, con Apollo sul terreno della musica.

4 I resti dell’antico insediamento di Adulis, snodo viario e commerciale strategico nel Corno d’Africa fin dai tempi dei tempi, sorgono ad un centinaio di chilometri da Asmara e a sessanta da Massaua. Vi si conducono da anni campagne di scavo finanziate da mecenati italiani.



Post in evidenza
Post recenti