top of page

Silvio Ornella, Cinque inediti

Scoltànt Rachmaninov1



Fòuc da la Siberia2

brùsighi il còur di piera

e ’l ciàf di nèif

clopa.

Acuila dopla3

bèchighi la cadopa

cui bec’s di oru.

Sofla sofla

mar di savalòn4

s’ciafòia il so canòn.

Alveàr sdrondenàt

svuàrbilu.

Fagòt di on

colàt da la bicicleta

in miès dal punt

strassìnilu tal font.

Grun di masièris5

cuièrzilu.

Plans plans

primula di Mars

la to àgrima di soreli

e di aria.

Mars 2022



Ascoltando Rachmaninov. Fuoco della Siberia / bruciagli il cuore di pietra / e la testa di neve / marcia. / Aquila bicipite / beccagli la nuca / coi becchi d’oro. / Soffia soffia / mare di sabbia / soffoca il suo cannone. / Alveare squassato / accecalo. / Fagotto d’uomo / caduto dalla bicicletta / in mezzo al ponte / trascinalo nel fondo. / Mucchio di macerie / ricoprilo. / Piangi piangi / primula di Marzo / la tua lacrima di sole / e di vento.



1 Sergej Vasil'evič Rachmaninov è considerato uno dei maggiori compositori e pianisti russi di sempre.

2 Allusione agli incendi delle foreste siberiane dovuti al cambiamento climatico.

3 È l’aquila bicipite dell’impero zarista che s’intravedeva sulla bandiera russa durante i briefing di Putin.

4 Si tratta del lago d’Aral, uno dei laghi più grandi del mondo, oggi insabbiato a causa della deviazione dei fiumi che lo alimentavano per irrigare i campi di cotone durante la Guerra Fredda.

5 È un verso del poeta cordenonese Luigi Manfrin.




A Codroip1 ’na not di zùin



Ti ris ta la foto

un ridi ch’al empla il mont.

E il to sanc al siga cussì a planc

ch’a no si svèin nencia li’ ninis

a durmì ta la ciambruta.

Na sera cu ’n’amiga

lontàn da ché musa lungia

da chei vui di aga muarta

dal sòfigu ch’a ti s’ciafòia.

A scur a ti à spetàt.

Fòur li’ bùfulis fermis

da la fiesta da la fruta.

Il to tìner pa l’ultima volta

sgarfàt dal curtìs font.

Il sec la grava dentri

par dut par sempri.


Lui 2022



A Codroipo una notte di giugno. Ridi nella foto / un sorriso che colma il mondo. / E il tuo sangue grida così piano / che non si svegliano neanche le bambine / a dormire nella cameretta. / Una sera con un’amica / lontano da quella faccia lunga / da quegli occhi di acqua morta / da quell’afa che ti soffoca. / Al buio ti ha aspettato. / Fuori i palloncini fermi / della festa della bambina. / Il tuo tenero per l’ultima volta / frugato dal coltello profondo. / Il secco il greto dentro / dappertutto per sempre.



1 Cittadina in provincia di Udine, situata appena al di là del greto secco del Tagliamento.




Aleksej



Giatùt ciapàt su pal cadupìn

e partàt fin chì da la Russia

cui to sgarès di ciavrùt

ti saltis parsora i marlìns

dal avignì

sensa pòura d’infondà.

A sfris la roda da la bicicleta

no ti fermin i zenòi macotàs.

Ti sbaris saresis

e bociatis

cuàn ch’i ti zùis bessòul.

Ti às vui di lisierta

ma cun colòur

di nèif ’glassada ta la planura.

Glutida di aga fres’cia

a caressa l’aria

la to vita pìssula e platada.

E ti ciantis: “Jo cjanti,

i cjanti solamentri che

par consolami me”1.


Avost 2022



Aleksej. Gattino preso per la collottola / e portato fin qui dalla Russia / coi tuoi garretti di capretto / salti sopra i covoni / del futuro / senza paura di sprofondare. / Frigge la ruota della bicicletta / non ti fermano i ginocchi ammaccati. / Spari ciliegie / e boccacce / quando giochi da solo. / Hai occhi di lucertola / ma con un colore / di neve ghiacciata sulla pianura. / Sorsata di acqua fresca / accarezza il vento / la tua vita piccola e nascosta. / E canti: “Io canto, / canto solamente perché / voglio consolare me”.



1Canto popolare friulano.




Rispièt



Rispièt, salida dal sorapàs,

e rispièt da l’ora.

Rispièt, chilometro.

Grassie nul

pal to ciapielùt

ch’a mi ten fres’c il ciàf.

Grassie ai cuniciùs dai piè

ch’a saltin tal asfàlt

sensa stracassi.

Grassie strichis blancis

ch’i mi tiràis indevant

intant che ’l còur al si pièrt via

ciantussànt.

Chist’an dopo tant timp

i torni a fa la miesa1.


Dodis di Avost 2022



Rispetto. Rispetto, salita del cavalcavia, / e rispetto dell’ora. / Rispetto, chilometro. / Grazie nuvolo / per il tuo berrettino / che mi tiene fresca la testa. / Grazie ai coniglietti dei piedi / che saltano sull’asfalto / senza stancarsi. / Grazie strisce bianche / che mi tirate avanti / intanto che il cuore si assopisce / canticchiando. / Quest’anno dopo tanto tempo / torno a fare la mezza.


1La “miesa” è la mezza maratona, gara podistica su strada sulla distanza di 21,0975 kilometri.




Puisia in gris e in silensi



Ti sos lontan

e mi par ch’a mi manci ’na man

par tocià il mont

o ’na giamba

par ciaminalu.

Di essi doventàt starlociu

di no meti pì a fòuc li’ robis

par iòdilu.

E l’aria mi si slargia atòr

coma un flòur di silensi

sensa colòur

e sensa odòur

ingrisignìt il sanc

coma un arbul d’unviàr.

E la me vita mi par

un fic becàt dai ussièi

’na plaia rossa dolsa ch’a resta

a marsì ta la ramassa.


fin di novembri-prins di disembri 2022



Poesia in grigio e in silenzio. Sei lontano / e mi pare che mi manchi una mano / per toccare il mondo / o una gamba / per camminarlo. / Di essere diventato strabico / di non mettere più a fuoco le cose / per vederlo. / E l’aria mi si allarga attorno / come un fiore di silenzio / senza colore / e senza odore / intirizzito il sangue / come un albero d’inverno. / E la mia vita mi pare / un fico beccato dagli uccelli / una piaga rossa dolce che resta / a marcire sul ramo.



Silvio Ornella è nato a Castiòns di Zoppola (PN) nel 1958 e insegna all’I.T.I.S Kennedy di Pordenone. Ha pubblicato le plaquettes: Rudinàs. Detriti, GEAP, Fiume Veneto (PN), 2001; Ùa. Uva, Biblioteca Civica di Pordenone, Pordenone, 2005; Il paesagiu sculpìt. Il paesaggio scolpito, Tipografia Sedran, San Vito al Tagliamento (PN), 2008, illustrato da dieci incisioni del pittore sanvitese Loris Cordenos; Il polver ta la mània. La polvere sulla manica, Circolo culturale Menocchio-Circolo Culturale di Meduno, Meduno (PN), 2011; Timp in motu. Tempo incerto, puntoacapo, Pasturana (AL), 2016; Fadìa. Fatica, Samuele ed., Fanna (PN), 2019. Ha curato con Giuseppe Zoppelli un’edizione postuma delle poesie del cordenonese Luigi Manfrin, Zent de ciasa. Gente di casa, Biblioteca Civica di Pordenone, Pordenone, 2004, e con Manuele Morassut ha edito l’esperimento di traduzione in friulano di poesie in italiano Una stazione. ’Na stassiòn, Biblioteca Civica di Pordenone, Pordenone, 2014. Con il Gruppo Majakovskij ha pubblicato le antologie Da un vint insoterat. Da un vento sepolto, Biblioteca dell’Immagine, Pordenone, 2000, Pa li’ zornadis di vint e di malstâ. Per le giornate di vento e di tormento, Samuele ed., Fanna (PN), 2016, Non ti scrivo da solo, Samuele ed., Fanna (PN), 2017. Del 2021 è l'antologia Ùa/Uva, puntoacapo Editrice, che raccoglie tutta la sua produzione.


Comentarios


Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
bottom of page