• almanacco

Inediti di Paolo Artale


pervinche

da qui. da dove

si pratica la divisione delle piante.

emergono nigelle già concluse ma

in regioni distanti sono questa

eredità di spatole.

vento cavo.

solamente alcuni piumaggi d’uccello.

*

forse l’altezza del giglio selvatico o

su fondamenta delle acque minute asticelle.

nel giardino un insieme di stelle lente.

composte. sopra

riposano le mele: una promessa

di cose laterali. le stesse

acque governano la casa.

*

deve cambiare questa aria in clausole

di piuma. vestigia

rimangono di intenti a fogliame.

propagate per semina si oppongono.

bacche.

un impreciso numero di felicità.

da conversazioni in giardino

Paolo Artale, nato a Busto Arsizio nel 1966, vive a Cantello (VA). Ha fatto parte di diversi gruppi poetici e ha partecipato a numerose letture pubbliche. Suoi testi sono apparsi, tra l’altro, su «L’Ulisse», rivista on-line per la quale ha intervistato Antonella Anedda; sulle riviste «Resine», «Atelier», «La clessidra»; su «poeticodiario» e nel volume Le vie della letteratura (puntoacapo Editrice, 2016). Dal 2010 al 2012 ha tenuto, in co-conduzione, un laboratorio di poesia per conto di un’associazione culturale. Dal 2015 collabora con la casa editrice Puntoacapo.


0 visualizzazioni

© 2023 by The Book Lover. Proudly created with Wix.com

  • Facebook B&W